Quali sono i vantaggi della digitalizzazione aziendale

Nuove abitudini, bisogno, desideri, modi di comunicare e di consumare si fanno avanti alla velocità della luce. La rivoluzione digitale sta trasformando il mondo e le tecnologie stanno mutando il modo in cui interagiamo ed utilizziamo prodotti e servizi.

Le aziende, indipendentemente dalle loro dimensioni o dal settore in cui operano, devono essere pronte a soddisfare le esigenze e le richieste del consumatore della nuova era. La tecnologia e la digitalizzazione hanno aperto nuovi scenari e offerto nuove opportunità per il miglioramento dei processi produttivi.
Molte imprese rinunciano del tutto a digitalizzare in quanto hanno accumulato già gravi ritardi in tal senso. In realtà, prima si pongono le basi per la trasformazione digitale del business maggiori saranno le opportunità di crescita e di sopravvivenza nel medio-lungo periodo.

Digitalizzazione aziendale: quali sono i vantaggi

Digitalizzare un’azienda non vuol dire essere maggiormente presenti a livello digitale. Si tratta di un processo di trasformazione che coinvolge tutte le aree ed i livelli di un’azienda e richiede un’attenta pianificazione a livello strategico. Se guardiamo ai vantaggi che le aziende possono ottenere dal digitale, uno di questi è sicuramente una migliore valutazione dei processi produttivi. Grazie alle tecnologie digitali, è possibile analizzare ogni step e identificare con precisione problemi e criticità.

La digitalizzazione dei documenti, insieme all’eliminazione delle barriere spaziali e temporali, si traduce in un’ottimizzazione delle risorse e nello snellimento dei processi di produzione.
Applicare una efficace digital strategy favorisce non soltanto una migliore gestione dei costi ma anche una riduzione degli stessi. Grazie alla digitalizzazione è molto più semplice ideare ed attuare innovativi modelli di business.

È innegabile che, nell’epoca dell’assoluta centralità del consumatore, la digitalizzazione permetta alle imprese di fornire una migliore user experience e di incrementare la qualità della comunicazione con i clienti. Grazie all’impiego di nuovi canali di vendita, come l’e-commerce o i social media, le aziende possono essere produttive 24 ore al giorno, 7 giorni su 7.
Prima dell’avvento delle tecnologie, per le imprese era molto difficile pensare ad una strategia di internazionalizzazione aziendale. Oggi, al contrario, la digitalizzazione è in grado di favorire l’ingresso in nuovi mercati.

I benefici immediati per le aziende

Abbiamo visto come la trasformazione digitale sia un processo complesso, che può richiedere tempi più o meno lunghi a seconda della cultura aziendale, della sua storia e del suo attuale posizionamento sul mercato.
Ci sono, però, alcuni benefici immediati che le imprese possono ottenere dal passaggio alla digitalizzazione. Uno di questi è una migliore soddisfazione del personale. Strumenti in grado di favorire la collaborazione o piattaforme per l’archiviazione centralizzata dei file così come il CRM aiutano i dipendenti a lavorare meglio e in modo più veloce.

Inoltre, la condivisione delle informazioni tra i vari reparti aziendali stimola il lavoro di squadra e l’innovazione e deve essere garantito anche durante lo smart working in Italia. La possibilità di utilizzare software in grado di automatizzare alcuni processi evita al personale di svolgere attività monotone ed eccessivamente ripetitive.

Chiaramente, affinché sia possibile generare vantaggi immediati dal digital, è necessario scegliere bene le risorse umane. Non bisogna mai dimenticarsi che le tecnologie funzionano quando ci sono persone in grado di gestirle al meglio. Ecco perché diventa fondamentale puntare su talenti già affermati o, comunque, investire continuamente sulla formazione del personale.

La digitalizzazione dei dati

Non ci sono dubbi sul fatto che le aziende che sanno lavorare bene con i dati abbiano maggiori probabilità non soltanto di acquisire nuovi clienti ma anche di fidelizzarli. Eppure, ancora oggi molte aziende trascurano il potenziale dei dati.

Una buona data strategy include metodi, servizi, architettura, modelli e procedure attraverso cui i dati possono essere acquisiti, integrati, gestiti, protetti, archiviati, monitorati, analizzati e sfruttati. Qualunque organizzazione intraprenda una trasformazione digitale avrà sicuramente bisogno di un piano per utilizzare in modo giudizioso e profittevole i dati.
In primis, è fondamentale garantire la generazione, ad un ritmo rapido, di dati della massima qualità. Ciò comporta la capacità di ripulire e revisionare i dati critici nonché di unire i dati provenienti da sistemi differenti, dando loro una forma coerente e standardizzata.

Molto importante è anche catalogare, proteggere i dati e renderli disponibili agli utenti autorizzati. Ciò serve ad evitare una cattiva gestione dei dati, rispettando le sempre più stringenti normative in materia.
Ancora oggi, molti processi legati all’analisi e all’interpretazione dei dati sono effettuati manualmente. Il problema è che, man mano che cresce il volume dei dati, l’analisi manuale rischia di diventare inefficiente. A tal proposito, può essere utile integrare l’intelligenza artificiale la quale può contribuire ad eliminare errori e pregiudizi e a migliorare l’efficienza del processo di analisi.